Abitato di Pianvalle

In quest’area sono visibili i resti di un QUARTIERE DELLA COMO PREROMANA. Il complesso, situato in una valletta ed organizzato su vari livelli che seguono il declivio, è diviso in due settori da una stretta strada a gradoni. Ai lati della strada si conservano i basamenti, in muratura a secco, di abitazioni orientate in senso NE-SO; capanne a pianta rettangolare o quadrata le cui pareti dovevano essere costruite in materiali deperibili, realizzate con graticci di ramaglie intrecciati attorno pali portanti e ricoperti con intonaco di argilla. Il tetto era costituito da una travatura lignea con copertura in paglia mentre il pavimento era realizzato con un vespaio di ciottoli, con funzione di drenaggio, coperto da terra battuta. All’esterno di alcune capanne sono visibili i focolari, strutture cilindriche in ciottoli. Spiccano due abitazioni: la Capanna Grande (#1), un grande ambiente in parte scavato nella roccia e la Capanna del Masso (#2), che prende il nome da una grande pietra arrotondata posta in uno degli angoli. Le strutture messe in luce risalgono al periodo di massima frequentazione della zona, tra il V e l’inizio del IV secolo a.C. Il rinvenimento di oggetti metallici di scarto destinati alla rifusione e di matrici in pietra induce a ipotizzare che il quartiere fosse abitato da artigiani metallurghi. A partire dal pieno IV secolo a.C. l’area rimase disabitata e tra il II e il I secolo a.C. fu un luogo di sepoltura, come testimoniato dal ritrovamento di tombe in cassetta litica e depositi votivi.

.abitato di pianvalle 2

.abitato di piavalle 3

abitato di pianvelle 1