Sentiero 3 – Sant’Eutichio

Caratteristiche

Tipo di interesse prevalente: storico-archeologico

Accesso/i principale/i: Via Selva Fiorita, Como

Parcheggi in prossimità: Parcheggio Ex Ticosa, Como

Tempo medio di percorrenza / Lunghezza: 45 min / 1,9 Km

Grado di difficoltà: medio, salita impegnativa

Quota min. slm: 240 m Quota mass. slm: 520 m Dislivello +280 m

Specifiche / sentieri che si incontrano: 1 e 4

Ricettività e/o servizi: NO

Punti di Interesse: Croce di Sant’Eutichio, Basilica di Sant’Abbondio e Oratorio Santi Cosma e Damiano.

Mappa GPS

Sentiero 3

Descrizione

L’itinerario ha inizio dal sagrato della splendida basilica di Sant’Abbondio in Como. La basilica di sorge al margine meridionale del Parco Spina Verde ed è un importante esempio di architettura tardo-romanica. Il complesso costituito dalla basilica e dall’annesso Chiostro è situato ai piedi della collina del Baradello in corrispondenza dell’antica Strada Regina.

Il sentiero prosegue sotto il tracciato ferroviario e attraversa via Fiorita che accompagna alla salita del versante lariano del territorio collinare del Parco, risalendo con notevole pendenza all’interno di boschi di castagno, roverella e robinia, impegnando l’escursionista in un cammino faticoso, ma apprezzabile, perché arricchito di essenze botaniche pregevoli e da alcuni massi erratici di notevoli dimensioni.

Ancora più apprezzabile se si pensa che lo stesso tracciato era percorso da San’Eutichio, l’ottavo Vescovo di Como, il quale amava salire al colle per pregare e passeggiare nei boschi della Spina Verde.

Giunti al bivio posto al di sotto della Croce di Sant’Eutichio verso destra diparte una diramazione che conduce ad un promontorio da cui è possibile ammirare lo straordinario panorama che abbraccia interamente il territorio lariano. Ripartendo si procede in salita verso la monumentale Croce di Sant’Eutichio. La storia della Croce affonda all’alba della Cristianità nell’area di Como: adottata la nuova religione i comaschi eressero una croce in legno sul colle meta di pellegrinaggi e luogo di preghiera dello stesso Vescovo Eutichio. La Croce venne sostituita più volte nel tempo fino alla struttura odierna voluta dai giovani comaschi dell’Azione Cattolica agli inizi del XX secolo e infine nuovamente restaurata per la visita dell’attuale pontefice Giovanni Paolo II a Como nel 1996.