Tracciabilità flussi finanziari

untitled

L’articolo 3 della Legge n. 136 del 13 agosto 2010 (modificato con D. L. 187/2010, convertito nella L. 217/2010), prevede che “per assicurare la tracciabilità dei flussi finanziari finalizzata a prevenire infiltrazioni criminali, gli appaltatori, i subappaltatori e i subcontraenti della filiera delle imprese nonché i concessionari di finanziamenti pubblici anche europei a qualsiasi titolo interessati ai lavori, ai servizi e alle forniture pubblici devono utilizzare uno o più conti correnti bancari o postali……dedicati, anche non in via esclusiva ……”

In particolare, tali operatori economici sono tenuti a ” comunicare alla stazione appaltante o all’amministrazione concedente gli estremi identificativi dei conti dedicati….entro 7 giorni dalla loro accensione o, nel caso di conti correnti già esistenti, dalla loro prima utilizzazione in operazioni finanziarie relative ad una commessa pubblica, nonché nello stesso termine, le generalità e il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di essi. Gli stessi soggetti provvedono, altresì, a comunicare ogni modifica relativa ai dati trasmessi. “.

Al fine di consentire in modo agevole agli operatori economici di comunicare all’ Ente Parco gli estremi dei conti correnti bancari/postali “dedicati” e le generalità dei soggetti abilitati ad operare sui medesimi, sono stati predisposti gli appositi modelli scaricabili, che debitamente compilati dovranno essere inviati al seguente indirizzo e-mail: segreteria@spinaverde.it

  1. Modello tracciabilità flussi finanziari RTF (clicca qui per aprire) :
    inviare il modello, completo in ogni sua parte e allegando un valido documento di identità all’ indirizzo e-mail ragioneria@spinaverde.it oppure  via PEC a spinaverde@pec.provincia.como.it